martedì 1 settembre 2009

Swinging pool #2

Ieri sera in corsia ero solo. Nuotavo per “defatigare” il cervello da un lunedì nel quale tutti sono rientrati dalle ferie e hanno voglia di parlare, di raccontare, di coinvolgerti; e tu avresti solo voglia di mandarli affanc … E allora nuotavo piano. Con una bracciata languida, indolente, pigra, che a me piace tanto. Perché è una bracciata che non sta a contare le vasche o i tempi ma ti porta lontano, corpo e anima. Da una vetrata aperta, lungo la piscina, entrava un raggio di sole al tramonto. Il raggio giocava con l’acqua, rimbalzando sulla superficie piatta e riflettendosi sul soffitto.
Ieri sera in corsia non ero solo.
emsi

1 commento:

Leo ha detto...

...grande...